Pubblicato il

Cotone elasticizzato

Cotone elasticizzato

Il cotone elasticizzato nasce in tempi recenti, con l’avvento delle microfibre elastiche che vengono aggiunte in percentuali che vanno dal 4 al 10% al jersey di cotone.

cotone elasticizzato

Inizialmente l’utilizzo di questo materiale era dedicato allo sport, successivamente fu introdotto nell’intimo, dove era richiesta una perfetta vestibilità.

La Tessitura

Il cotone elasticizzato è fondamentalmente un tessuto jersey e viene prodotto con macchine circolari per maglieria a monofrontura, ovvero lavorano solo gli aghi verticali del cilindro.

macchina circolare per cotone elasticizzato

In ogni punto di alimentazione (caduta) unitamente al cotone, viene aggiunto l’elastan che è una microfibra elastica sottilissima, che anche in piccole percentuali garantisce una perfetta bielasticità del tessuto, ovvero si estende sia in larghezza che in lunghezza.

Il manufatto ottenuto è compatto, estremamente liscio e compatto ed è estremamente resistente.

Caratteristiche

Il cotone elasticizzato, presenta un buon allungamento ed allargamento; è decisamente morbido e resistente all’usura, ciò lo rende perfetto per la produzione di boxer e slip, dove, unitamente alla vestibilità, che deve essere perfetta, è richiesta una buona resistenza all’usura.

Vista la sua struttura, tende naturalmente a torcere su se stesso specialmente nelle fibre cotoniere di bassa qualità, dove la torsione di torcitura si somma alla torsione di tessitura.

Accorgimenti

Date queste sue caratteristiche, Lisanza Uomo, per ovviare all’inconveniente della torsione, utilizza solo filati di alta qualità; inoltre, il filo di elastan contribuisce a stabilizzare il tessuto in modo eccellente

Per ridurre ulteriormente il fenomeno di rotazione del tessuto, la macchina circolare che viene utilizzata è a 30 cadute, quindi a bassa produzione se comparata con le moderne macchine a 90 cadute.

Minori le cadute, minore la produzione giornaliera di tessuto ma soprattutto minore la tensione torcente del tessuto.

Al fine di rendere assolutamente stabile il tessuto di cotone,  viene fatto un apposito trattamento in tintoria.

Il passaggio successivo è quello di farlo riposare in falda (maturare) per diverse settimane prima di essere tagliato.

Il risultato

il risultato è di ottenere dei capi leggeri e freschi con un ottima vestibilità.

Prodotti realizzati in jersey

Boxer

Altre risorse sul jersey

Articolo di Wikipedia

Pubblicato il

Tabella Taglie

Tabella taglie – guida pratica

Scopri la tua misura applicando questa semplice tabella taglie.

Tabella taglie – uomo

Come misurare correttamente?
Per misurare correttamente la tua taglia, indossate solo biancheria intima, o meglio ancora fate la misurazione direttamente sulla pelle.
Infatti, indossare degli indumenti potrebbe rendere la misurazione meno accurata.

Attenzione

Le misure devono essere prese in centimetri e il metro deve essere mantenuto sempre teso, infatti se non vengono rispettate queste semplici regole la misurazione potrebbe essere falsata.
Le misure si riferiscono a taglie standard e non includono grandezze particolari né taglie irregolari.

Circonferenza torace (1)

Per misurare correttamente la circonferenza del torace, è molto importante mettersi con la schiena in posizione eretta e misurate all’altezza dei capezzoli, in questo modo infatti, la misurazione sarà precisa.

riferimento tabella taglie

Girovita (2)

Misurate la circonferenza della vita direttamente sotto le costole.

Internazionale   Taglia    Torace    Vita

XS                                                              44                            86/89                        76

S                                                                  46                            90/93                        80

M                                                                48                            94/97                         84

L                                                                  50                           98/101                       88

XL                                                               52                           102/106                     92

XXL                                                            54                           107/109                      98

3XL                                                            56                           110/113                      104

4XL                                                            58                           114/117                      110

5XL                                                            60                           118/121                      116

 

Riferimenti per slip e boxer

boxer tabella taglie

Le taglie e la vestibilità possono di fatto variare in base al produttore, alla marca e alla forma. La circonferenza della vita va infatti misurata nel punto in cui è più sottile. (1)

Tabella delle taglie:

Internazionale  Taglia      Vita

XS                                                              1°                             80/84

S                                                                 2°                             85/89

M                                                                3°                            90/94

L                                                                 4°                            95/99

XL                                                              5°                           100/104

XXL                                                           6°                           105/109

3XL                                                            7°                           110/114

4XL                                                            8°                          115/119

5XL                                                            9°                           120/124

 

Alcuni dei nostri prodotti

Maglia girocollo mezze maniche

Boxer 

Slip

Attenzione!

In caso di dubbi nella scelta della misura, non esitate a contattarci direttamente in azienda, dove troverete del personale preparato a rispondervi.

Con poche e semplici domande, i nostri incaricati potranno infatti identificare la misura più adatta a voi.

Misure speciali

Dato che la nostra azienda produce tutto internamente, è infatti in grado di realizzare anche capi SU MISURA.

Per ogni informazione e preventivo non esitate a contattarci:

Mail : info@lisanzauomo.com

Telefono  0331 960200

Altre risorse

Tabella

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il

Manutenzione del filo di scozia

Consigli per la manutenzione del filo di scozia

La manutenzione del filo di scozia, ecco gli accorgimenti da adottare per per evitare di causare restringimenti o altri danni ai prodotti realizzati in questo materiale.

Indichiamo di seguito i diversi modi in cui può essere fatto il lavaggio senza correre il rischio di rovinare i capi.

Come procedere

È possibile, innanzitutto, programmare un lavaggio delicato, con temperatura fredda (massimo 30°)

Il programma deve avere il risciacquo breve e centrifugazione ridotta.

Si consiglia di lavare i capi dopo averli rovesciati e chiusi in un apposito sacchetto per i lavaggi in lavatrice.

programma per la manutenzione del filo di scozia

È raccomandabile, inoltre, di utilizzare un detersivo liquido per capi delicati e l’ammorbidente.

detersivo liquido per la manutenzione del filo di scozia

Il modo più comune per lavare i capi di cotone consiste, nell’’utilizzare dell’’acqua tiepida, a circa trenta gradi, per i primi due lavaggi.

Dopo questa operazione, è opportuno in seguito prestare attenzione in maniera scrupolosa alle istruzioni situate sull’’etichetta.

Chiaramente sarà necessario dividere i capi scuri da quelli chiari.

Accorgimenti particolari

Nel caso di capi veramente sporchi, è preferibile prima di metterli in lavatrice, di strofinarli con del sapone di Marsiglia.

sapone marsiglia per la manutenzione del filo di scozia

Si tratta di un rimedio molto efficace per diverse macchie ed in generale, per lo sporco ostinato.

Il detersivo liquido è altamente consigliato, infatti, ha il vantaggio di sciogliersi molto più velocemente evitando aloni e macchie sul capo.

Concludiamo sottolineando che per il lavaggio bisogna tenere in considerazione quanto scritto sull’a etichetta.

Attenzione

Devono essere candeggiati solamente i capi bianchi.

Per quanto riguarda i capi colorati, è opportuno accertarsi della resistenza dei colori, nel nostro caso, essendo tinti in filo non ci sono problemi di rilascio.

Nel caso in cui dei capi di allarghino durante il lavaggio, è possibile porre rimedio lasciandoli in ammollo in acqua fredda.

Asciugatura

Asciugare lontano da fonti dirette di calore e dalla luce del sole, preferibilmente stendendoli al rovescio.

Alcuni prodotti in filo di scozia

Canottiera spalla stretta

Girocollo mezze maniche

Boxer

Slip

Altre risorse

Articolo

Pubblicato il

Manutenzione della seta

Cura e manutenzione della seta

Si tratta di una fibra resistente ma molto delicata, per cui la manutenzione della seta è fondamentale.

Il lavaggio a secco, oppure a mano è consigliato, ma è anche possibile lavare il capo in lavatrice utilizzando un ciclo delicato (max. 30°C).

In aggiunta, è bene utilizzare solo sapone neutro e mai detersivo in polvere, non candeggiare o utilizzare alcun prodotto sbiancante o ammoniaca.

Il procedimento

ammollo nella manutenzione della seta

Per il lavaggio a mano si consiglia di mettere in ammollo la seta per 5 minuti in acqua tiepida.

Se il tessuto è colorato, va sciacquato velocemente e l’aggiunta di un po’ di aceto nell’acqua ridona lucentezza ai colori.

Se il tessuto è bianco aggiungere dell’acqua ossigenata in fase di risciacquo.

Agitare delicatamente senza torcere il tessuto e risciacquare bene utilizzando acqua fredda.

Asciugare orizzontalmente senza esporre la seta alla diretta luce del sole al fine di evitare ingiallimenti o sbiadimenti di colore.

La fase di stiratura va fatta quando il capo è ancora umido, interponendo un panno tra la seta e la piastra del ferro.

Questo, al fine di evitare che il vapore lasci macchie o aloni.

Accorgimenti particolari

Cosa molto importante, è mantenere sempre controllate le condizioni delle superfici con cui entra in contatto il capo.

Cesti, tamburi della lavatrice, devono essere perfettamente lisci per evitare che sbavature o imperfezioni, possano estrarre i fili dal tessuto.

estrazione di fili nella manutenzione della seta

Altro aspetto di cui tener conto, è la tendenza all’abrasione superficiale, in particolare con la seta bagnata o umida.

Lo sfregamento può portare alla sfibratura delle bave superficiali, con formazione di pelosità che si riflette in una perdita complessiva di lucentezza.

Ecco perché, nella manutenzione ad umido della seta, è sconsigliata l’asciugatura in tamburo, a causa dello sfregamento che si sviluppa.

Le problematiche di abrasione non si presentano nel caso del lavaggio a secco perché, in questo processo la seta non viene bagnata con acqua.

lavaggio a secco per la manutenzione della seta

Cariche elettrostatiche

Infine, un ultimo accenno ad una particolare tendenza di alcune sete: l’accumulo di cariche elettrostatiche.

La soluzione definitiva a questo problema, quando si presenta, non esiste ma l’uso di un ammorbidente può portare ad una sua sensibile diminuzione.

Alcuni prodotti in seta

Canottiera spalla larga

Girocollo mezze maniche

Collo a V mezze maniche

slip

Mutanda lunga

Altre risorse sulla manutenzione della seta

Articolo manutenzione seta

Pubblicato il

Manutenzione della lana

Manutenzione della lana

La manutenzione della lana merinos è molto importante, dato che si tratta di un filato molto pregiato e ricercato soprattutto per le sue caratteristiche.

Per evitare di rovinarla durante il lavaggio, questa guida illustrerà come procedere.

Innanzitutto è molto importante utilizzare acqua tiepida e detersivi liquidi, poiché quelli in polvere possono causare dei buchi dove la polvere entra in contatto col tessuto.

Riempiamo una bacinella di acqua tiepida (circa 30 C°) ed aggiungiamo un po’ di sapone neutro o quello specifico per capi in lana, poi immergiamo l’indumento e lo lasciamo in ammollo per circa 10/15 minuti.

Trascorso il tempo necessario, è bene tirare fuori il capo senza strofinarlo e risciacquarlo con molta cura e in abbondante acqua tiepida, l’ultimo risciacquo va fatto con acqua fredda, in modo che non si infeltrisca.

Inoltre, per una corretta manutenzione della lana è molto importante lavare i capi sempre al rovescio ed avvolgerli delicatamente  senza strizzare.

L’indumento va steso orizzontalmente per evitare che possa deformarsi e va fatto asciugare lontano dalla luce diretta del sole.

Consigliamo vivamente di non asciugare i capi su termosifoni o fonti di calore dirette.

Tuttavia, può capitare che durante il lavaggio, qualcosa vada storto, magari sbagliamo la temperatura, oppure la tipologia di lavaggio ed il capo si presenterà infeltrito.

Per far fronte a questo spiacevole inconveniente, vediamo come preparare un antinfeltrente “fai da te” utilizzando prodotti naturali.

Basterà aggiungerlo nell’acqua per il lavaggio a mano e miglioreremo la vita dei nostri capi in lana.

Occorrente:

Bicarbonato di sodio
Latte
Acido citrico

Il bicarbonato

bicarbonato per la manutenzione della lana

Il primo metodo consiste nell’aggiungere un cucchiaio di bicarbonato di sodio nell’acqua di lavaggio, che dovrà essere calda (senza esagerare).

Il bicarbonato proteggerà i nostri capi in lana dall’acqua calda e le renderà soffici.

Possiamo utilizzare il bicarbonato di sodio anche per sfeltrire la lana già infeltrita.

In questo caso, basta metterne due cucchiai dentro una bacinella di acqua tiepida e lasciare il capo di lana in ammollo per circa due ore.

Risciacquare sempre con acqua tiepida, l’importante è proprio questo, che tutti i lavaggi avvengano alla stessa temperatura.

Il latte

latte per la manutenzione della lana

Sembrerà strano ma anche il latte è un ottimo antinfeltrente naturale.

Inoltre è sempre a portata di mano, pronto all’uso ed estremamente economico.

Basterà aggiungere mezzo bicchiere di latte direttamente dentro l’acqua di lavaggio e lasciare in ammollo il capo per 10/15 minuti.

Nel caso di capi infeltriti consigliamo di aggiungere alcuni bicchieri di latte (circa 35 cl), per ogni litro d’acqua e lasciare in ammollo per alcune ore.

L’acido citrico

acido citrico per la manutenzione della lana

L’ ultimo ingrediente per il nostro antinfeltrente è l’acido citrico, reperibile in tutti i negozi di prodotti naturali, erboristerie e farmacie.

Anche in questo casa basta versarne un po’nell’acqua tiepida per il lavaggio a mano e procedere normalmente come precedentemente spiegato.

Consigli

Si possono anche mischiare i vari prodotti tra di loro per ottenere un antinfeltrente da conservare e sempre pronto all’uso.

In particolare risulta decisamente efficace una miscela di bicarbonato di sodio e acido citrico.

Uniamo due parti di bicarbonato per ogni parte di acido citrico e conserviamo questo antinfeltrente dentro un barattolo in un luogo asciutto.

Se preferiamo un antinfeltrente liquido, basterà sciogliere un cucchiaino di acido citrico dentro un bicchiere con acqua e latte in parti uguali.

Anche in questo caso possiamo conservarlo semplicemente dentro una bottiglietta, non avremo neanche problemi di umidità.

Alcuni prodotti in lana

Canottiera spalla stretta

Girocollo mezze maniche

Mutanda lunga

Altre risorse sulla manutenzione della lana

Articolo lavaggio lana

Pubblicato il

Il Tricot

Il Tricot – Storia

La parola Tricot deriva dal francese e significa maglia, di fatto indica tutto ciò che può essere intrecciato, fino a dar vita al tessuto.

L’origine sembra risalire al IV secolo a.c. dove in Grecia già si usavano vesti cerimoniali realizzate con un tessuto molto simile al moderno tricot.

L’epoca moderna

Con la rivoluzione industriale nella metà dell’800, si iniziano a costruire macchine in grado di svolgere lavori che prima erano fatti a mano.

Il tessuto a maglia, passa dai classici ferri a mano, alle prime macchine rettilinee che venivano azionate a mano facendo scorrere un carrello su due file di aghi contrapposte (fronture).

 

Macchina rettilinea da tricot

Successivamente con la seconda rivoluzione industriale, la forza motrice diventa il vapore per poi passare alla più pratica elettricità.

Concettualmente, le macchine rimangono le stesse, ma la capacità produttiva aumenta in modo considerevole.

Infatti, per far fronte alle nuove richieste del mercato occorrono volumi produttivi sempre più grandi.

Oggigiorno, la parte meccanica di queste macchine rettilinee è stata sostituita dall’elettronica.

Questo ha permesso una maggior precisione produttiva e una grande varietà di disegni.

Macchina rettilinea da tricot elettronica

Il nostro tessuto tricot viene realizzato su macchine rettilinee a bifrontura, a finezza 16, ovvero ci 16 aghi ogni pollice.

Particolare della frontura

Questa spaziatura, determina la produzione di un tessuto decisamente pesante adatto per la realizzazione di prodotti estremamente protettivi.

Una caratteristica di questa macchina è la possibilità di cambiare la lavorazione mentre si sta producendo il telo.

Infatti la fascia della vita ed i polsini sono realizzati in opera, esattamente come nei maglioni.

Le caratteristiche

Oltre alle sopracitate finiture, (polsi e fascia) che impreziosiscono i capi, questo manufatto si presenta molto elastico e corposo.

La conformazione delle fronture e la relativa spaziatura degli aghi  fan si che il tessuto diventi estremamente gonfio e sostanzioso.

Realizzato in lana merinos, diventa morbido, ma nello stesso tempo, molto pesante ed offre una protezione dal freddo impareggiabile.

Prodotti realizzati in tricot

Girocollo mezze maniche – lana pesante

Girocollo maniche lunghe – lana pesante

Mutanda lunga – lana pesante

Panciera – lana pesante

Altre risorse sul tricot

Articolo di Wikipedia

 

 

Pubblicato il

Costina

La costina  1:1

La costina 1:1 nasce per dare corpo ed elasticità al tessuto al fine di realizzare dei prodotti molto confortevoli.

Può essere realizzata in diverse fibre, Lisanza Uomo utilizza solo fibre pregiatissime, quali: il filo di scozia, la lana merinos, la lana e seta, la pura seta ed il cashmere e seta.

Le caratteristiche

I principali pregi della costina sono: l’elasticità e l’assoluta stabilità torsionale del tessuto.

Infatti, grazie al particolare processo produttivo, dove lavorano sia gli aghi del piatto che del cilindro, il tessuto è assolutamente stabile.

Queste sue peculiarità, la rendono ideali per l’intimo, dove è richiesta la perfetta aderenza del capo senza costrizioni.

A tal fine, per rendere ancora più comodi i nostri capi,  li realizziamo senza cuciture laterali.

Questo è possibile, perché disponiamo di tante macchine circolari,  infatti, per ogni taglia, esiste di fatto una macchina circolare col diametro della taglia prescelta.

macchina circolare a costina

La tessitura

La costina 1:1 viene realizzata facendo lavorare sia gli aghi del piatto che quelli del cilindro in modo alternato.

Il filo forma una serie di “8”  continui che generano delle costine; questa particolare costruzione è naturalmente elastica.

strutura del tessuto

Una volta smacchinato, il tessuto viene stirato con un particolare nastro trasportatore che vibra e contemporaneamente emette vapore in modo da stabilizzare il tessuto.

Successivamente, il tessuto viene piegato in falda e lasciato riposare per circa 3 settimane, in modo che l’assestamento sia perfetto e vengano ridotte al minimo le problematiche di stabilità e ritiro.

Il risultato

Il tessuto a costina 1:1 è corposo, elastico e traspirante.

Di fatto, è la lavorazione ideale per tutti i prodotti lanieri, dove si migliora la morbidezza e la vestibilità del capo.

Date le sue caratteristiche costruttive, aumenta il volume d’aria trattenuto tra le fibre della lana e di conseguenza ne amplifica l’isolamento e l’igroscopicità.

Nel filo di scozia dà spessore e  veste in modo perfettamente aderente, la sua naturale conformazione rende molto fresco e traspirante il capo.

Alcuni prodotti realizzati in costina

Canottiera spalla stretta 

Canottiera spalla larga

Maglia girocollo mezza manica

mutanda lunga

Altre risorse

Wikipedia

 

 

 

Pubblicato il

Caldo cotone

Il caldo cotone

Il caldo cotone, o cotone invernale nasce dall’esigenza di creare un tessuto completamente anallergico e nello stesso tempo caldo.

L’isolante termico dei materiali lanieri è l’aria che viene trattenuta tra le fibre; quindi occorre creare un materiale che possa trattenere dell’aria che scaldandosi con il corpo generi tepore ed isolamento.

Non tutti i tipi di cotone si prestano a questo utilizzo, i cotoni egiziani ad esempio, sono troppo secchi.

Per ottenere il caldo cotone si utilizza il cotone americano o indiano che è più soffice e peloso, quindi trattiene più aria.

La lavorazione

Il tessuto, viene realizzato nel nostro caso, con una macchina circolare a doppia frontura, con l’impostazione a costina 1:1, è possibile farlo anche in lavorazione interlock.

macchina circolare a doppia frontura per caldo cotone

Abbiamo optato per la costina perché oltre a dare un certo peso al tessuto, resta completamente stabile alle torsioni tipiche di altri metodi di tessitura (es. jersey).

Si utilizzano titoli di filato abbastanza grossi 24/1 o 30/1 che contribuiscono a dare corpo alla maglia.

Successivamente, dopo averlo smacchinato, il tessuto subisce un trattamento di garzatura che rende ancora più soffice la parte a contatto con la pelle.

particolare garzatura del tessuto in caldo cotone

I vantaggi

I principali vantaggi di questo tipo di materiale sono fondamentalmente 4:

  • Anallergicità
  • Manutenzione
  • Durata
  • Prezzo

Anallergicità: va da sè che il cotone risulta molto ben tollerato dalla pelle, le fibre sono soffici e flessibili, ben diverse da quelle cornee della lana.

Manutenzione: il cotone non infeltrisce e sopporta lavaggi più energici, la sua manutenzione è quindi più semplice rispetto alla lana che richiede una maggiore attenzione.

Durata: il caldo cotone nasce da una filo decisamente grosso, quindi molto resistente; il cotone poi è naturalmente una fibra molto più forte della lana, è meno soggetto all’usura e non piace alle tarme.

Prezzo: il cotone utilizzato costa decisamente meno della lana merinos o della lana e seta, di conseguenza il prodotto ha un prezzo inferiore.

Utilizzo

Questo tipo di materiale è particolarmente indicato per chi è allergico o particolarmente sensibile alla lana.

Prodotti realizzati in caldo cotone

Girocollo mezze maniche –  cotone felpato

Collo a v mezze maniche – cotone felpato

Girocollo maniche lunghe – cotone felpato

Altre risorse

Wikipedia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il

Jersey

il Jersey – la Storia

Alla fine del 1800, il “jersey” era un tessuto di maglia, decisamente pesante, usato dai pescatori dell’isola inglese di Jersey, da cui il leggendario nome.

tessuto di jersey

Successivamente, si trasformò in una maglia rasata, semplice, leggera, morbida e naturalmente elastica, che veniva utilizzata in modo abbastanza diffuso nel campo dell’abbigliamento.

Per la sua semplicità e leggerezza era ritenuto inadatto alla sartoria, fu solo grazie alla genialità di Coco Chanel, che lo impiegò per le sue creazioni, che il Jersey divenne di moda.

Coco Chanel, la prima ad utilizzareil jersey nella sartoria(Coco Chanel)

La Tessitura

Il Jersey viene prodotto con macchine circolari per maglieria a monofrontura, ovvero lavorano solo gli aghi verticali del cilindro.

macchina circolare per jersey

Ogni punto di alimentazione (caduta), fa si che si aggiunga un po’ di maglia; per dare un idea della sua struttura, possiamo considerare il Jersey come un tessuto a spirale.

Il manufatto ottenuto è compatto, estremamente liscio nella parte esterna che differisce dal rovescio più “ruvido”.

Caratteristiche

il Jersey, presenta una buona stabilità all’allungamento ed è leggermente elastico nell’allargamento e può essere ottenuto da qualsiasi fibra tessile: le più utilizzate sono il cotone, la lana e la viscosa.

Vista la sua struttura a spirale, tende naturalmente a torcere su se stesso specialmente nelle fibre cotoniere di bassa qualità, dove la torsione di torcitura si somma alla torsione di tessitura.

Accorgimenti

Date queste sue caratteristiche, Lisanza Uomo, per ovviare all’inconveniente della torsione, utilizza solo filati doppi ritorti; ovvero, il filo è a sua volta formato da due capi ritorti a direzioni opposte, uno a destra e uno a sinistra.

Il filo risultante da quest’accoppiamento ha così una torsione quasi neutra ed il mercerizzo in matassa nel caso del cotone, contribuisce ulteriormente a stabilizzare le tensioni.

Per ridurre ulteriormente il fenomeno di rotazione del tessuto, la macchina circolare che viene utilizzata è a 30 cadute, quindi a bassa produzione se comparata con le moderne macchine a 90 cadute.

Minori le cadute, minore la produzione giornaliera di tessuto ma soprattutto minore la tensione torcente del tessuto.

Al fine di rendere assolutamente stabile il tessuto di cotone,  viene fatto un ri-mercerizzo in pezza.

Il passaggio successivo è quello di farlo riposare in falda (maturare) per diverse settimane prima di essere tagliato.

Il risultato

il risultato è di ottenere dei capi estremamente leggeri e freschi con un ottima stabilità dimensionale.

Prodotti realizzati in jersey

Canottiera spalla stretta – filo di scozia

Canottiera spalla larga – filo di scozia

Girocollo senza maniche – filo di scozia

Collo a V senza maniche – filo di scozia 

Girocollo mezze maniche – filo di scozia

Collo a V mezze maniche – filo di scozia

Slip – filo di scozia

Boxer – Filo di scozia

Pigiama – filo di scozia

Altre risorse sul jersey

Articolo di Wikipedia

Pubblicato il

Interlock

il tessuto Interlock

L’interlock è un tessuto a maglia incrociata ottenuto con due serie di aghi che lavorano alternati su due fronture.

Questo tipo di tessitura, crea una doppia maglia che fa un effetto a nido d’ape, rendendo l’interlock particolarmente soffice.

Il dritto ed il rovescio dell’interlock sono esattamente identici.

tessuto interlock

Le Caratteristiche

Le qualità peculiare di questo tessuto, decisamente compatto ma morbido, è che viene trattenuta molta aria tra le fibre e la maglia.

Ciò permette di ottenere un isolamento termico perfetto ed una traspirabilità fuori dal comune, che lo rende idoneo anche per l’attività sportiva.

L’impiego

Per la sua caratteristica superficie rasata da entrambi i lati, viene utilizzato preferibilmente nella realizzazione di intimo.

Noi realizziamo l’interlock direttamente in azienda, (lana e lana e seta) in modo da creare dei capi invernali ancora più protettivi e soffici.

Di fatto è possibile utilizzare anche il cotone per realizzare questo tessuto, che ne vede l’utilizzo specialmente nella pigiameria.

Le lavorazioni

Spesso, quando viene utilizzato il cotone, si procede alla garzatura/smerigliatura della parte interna del tessuto.

Questo procedimento serve a rendere ancora più soffice la parte a contatto con la pelle.

Questo determina un effetto “caldo cotone” molto indicato per l’intimo dei neonati e per chi non ama la  lana in inverno.

Per normalizzare tutte le tensioni accumulate durante la garzatura del cotone, è fondamentale una corretta fase di stiratura

La stiratura viene effettuata  con del vapore e successivamente viene fatto passare il tessuto tra dei rulli (calandratura).

La garzatura, non viene effettuata con la lana o la lana e seta, in quanto non necessaria date le caratteristiche intrinseche delle fibre laniere.

Prodotti realizzati in interlock

Girocollo mezze maniche – lana seta pesante

Girocollo maniche lunghe  – lana seta pesante

Collo a V mezze maniche – lana seta pesante

Collo a V maniche lunghe – lana seta pesante

Mutande lunghe – lana seta pesante

Girocollo mezze maniche  – lana pesante

Girocollo maniche lunghe – lana pesante

Mutande lunghe – lana pesante

Altre risorse

Wikipedia