Posted on

Tricot

Il Tricot – Storia

La parola Tricot deriva dalla parola “tricoter”,  di fatto indica tutto ciò che può essere intrecciato, fino a dar vita ad un tessuto a maglia. L’origine di questo tipo di tessuto risale al IV secolo a.c. dove in Grecia si usavano vesti per cerimonie fatte con un tessuto pesante, molto simile al tricot. Con tutta probabilità in quell’epoca era intrecciato a mano, poi si cominciò ad usare dei ferri da maglia che potevano essere fatti in legno o in metallo.

tricot

L’epoca moderna

Con la rivoluzione industriale, nella metà dell’800, si iniziano a costruire delle macchine in grado di fare ciò che prima era svolto a mano; il tessuto a maglia, passa dai classici ferri a mano, alle prime macchine rettilinee per tricot; queste erano azionate a mano facendo scorrere un carrello su due file di aghi opposte (fronture).

Macchina rettilinea da tricot

In epoca successiva, con la seconda rivoluzione industriale, la forza motrice diventa il vapore, che verrà poi sostituito dall’elettricità. Di fatto, le macchine sono le stesse, ma la capacità produttiva cresce in modo importante; infatti, per far fronte alle nuove richieste di mercato servono volumi produttivi sempre più grandi. Oggi, buona parte della meccanica di queste macchine a tricot è stata sostituita dall’elettronica; ciò ha permesso una maggior qualità produttiva ed una grande varietà di disegni e di applicazioni. Sono molti gli articoli fatti con questa tecnica, dalle cravatte di maglia, alle sciarpe ai costumi da bagno da donna.

Macchina rettilinea da tricot elettronica

Il nostro tessuto tricot è fatto su macchine rettilinee a due fronture, finezza 16, ovvero ci 16 aghi ogni pollice; questa misura, ci permette di produrre un tessuto pesante, adatto per fare capi di intimo molto protettivi. Una dote di questa macchina è quella di avere la capacità di cambiare il tipo di maglia mentre si sta tessendo; infatti la fascia della vita ed i polsi che sono fatti in costina, sono realizzati in opera, come nei maglioni.

Particolare della frontura tricot

Le caratteristiche

Oltre alle finiture in costina, (polsi e fascia) che rendono più prezioso il capo, questo tessuto è molto elastico e corposo. La forma delle fronture e la spaziatura degli aghi fan sì che il tessuto diventi molto spesso; fatto in lana Merino, diventa morbido, ma allo stesso tempo, molto pesante ed offre una protezione dal freddo davvero elevata.

Prodotti realizzati in tricot

Girocollo mezze maniche – lana pesante

Girocollo maniche lunghe – lana pesante

Mutanda lunga – lana pesante

Panciera – lana pesante

Altre risorse sul tricot

Articolo di Wikipedia